22 Aprile 2016

La storia del Lanificio Fratelli Bacci, che compie cento anni, si intreccia con la storia della famiglia che l´ha fondata e l´ha guidata attraverso un secolo, superando guerre e catastrofi naturali. Un gruppo familiare che é andato avanti con un´idea comune, un´azienda che ha compiuto la sua metamorfosi sempre al passo con i tempi riuscendo a conquistare traguardi internazionali.

1945:Rinascita

Gli anni 45/50 sono caratterizzati dall'obiettivo della ricostruzione e la famiglia Bacci, con la nuova vitalità della terza generazione formata da Francesco, Giuseppe, Alfonso, Mario, coalizza i suoi sforzi e non solo ricostruisce lo stabilimento, ma lo completa con il reparto finissaggio dotato di moderni macchinari: la ditta prende così il nome di Lanificio Fratelli Bacci. Iniziano i primi soddisfacenti rapporti commerciali con l'estero.

1966: L’Alluvione

L'alluvione del 1966 inonda lo stabilimento, ma ancora una volta la famiglia Bacci, sostenuta dalla volontà delle maestranze, degli amici, dei clienti e dei fornitori riesce a riattivare in breve tempo l'attività produttiva.

Anni ‘70

Negl'anni ‘70 il Lanificio Fratelli Bacci imbocca la strada di un continuo sviluppo produttivo, organizzativo e tecnologico attraverso l'ampliamento delle superfici e la riorganizzazione dei reparti.

Anni ‘80

All'inizio degli anni ‘80 la ditta diviene una società per azioni e subisce la massiccia introduzione di sistemi informatici che rendono l'attività ancora più dinamica ed elastica. Durante il medesimo decennio avviene l'ingresso della quarta generazione, Alessandro, Cristina, Cecilia, Filippo, Francesca, Lorenzo, Serena, Luigi, Paolo ai quali vengono affidati i vari reparti e, ancora oggi, un vivace e fruttuoso rapporto di lavoro lega differenti generazioni dove gioventù ed esperienza, innovazione e tradizione sono si integrano.

Oggi

I grandi sconvolgimenti storici ed economici accaduti all'alba del XXI secolo, il cui inizio è simbolicamente rappresentato dal crollo delle Twin Towers di NewYork, obbligano tutte le aziende a rimettere in discussione non solo i posizionamenti all'interno dei propri mercati di riferimento, ma soprattutto le proprie strategie economiche e finanziarie e la nuova congiuntura creatasi assume caratteristiche completamente diverse rispetto ai drammatici avvenimenti del secolo precedente.
In passato, malgrado le difficoltà, esisteva comunque un settore dell'abbigliamento fortemente potenziale e solo sopito da tali eventi, pronto per ripartire non appena le condizioni lo avrebbero permesso, oggi invece si assiste a completi e repentini cambiamenti degli orientamenti dei consumatori.
In questo contesto l'abbigliamento perde molte posizioni nella scala delle preferenze, si assiste ad un graduale ma veloce svilimento del prodotto che obbliga le aziende tessili a moltiplicare gli sforzi per mantenere quanto di buono fatto nei decenni precedenti.

Il Lanificio Fratelli Bacci ha scelto con successo la strategia della qualità e dell'eccellenza, avendo capito che la fascia più alta del consumo sembra risentire meno delle difficoltà economiche, tessuti pregiati come quelli in cachemere, in angora e in cammello coprono una parte sempre maggiore all'interno delle collezioni affiancando le tipologie in lana, patrimonio storico dell'azienda.
I sempre nuovi investimenti in macchinari ed impianti permettono di curare un altro aspetto pilastro della strategia scelta: il servizio per la clientela e l'esclusiva, accanto alle proprie proposte il Lanificio Fratelli Bacci è in grado di sviluppare i progetti di ogni cliente proponendosi un suo valido collaboratore.